I nostri autori

” Il Tempo di una Carezza ” di Massimo Pistoja – Recensione della Dott.ssa Francesca Piovesan

il-tempo-di-una-carezza-1

Recensione di Francesca Piovesan

Il tempo di una carezza è la nuova raccolta poetica di Massimo Pistoja, la quale già dal  titolo evidenzia la cifra di fondo dei suoi versi, che come una carezza accompagnano il lettore in un viaggio tra anima e sensi in grado di condurre ad una vera e propria rinascita interiore. Infatti le immagini del poeta trasmettono un senso di profonda serenità, la quale nasce dall’aver rielaborato e superato i propri dolori, la sofferenze, e dall’aver compreso come la vita valga sempre la pena di essere vissuta appieno, in un atteggiamento di apertura e disponibilità verso l’altro, riuscendo a cogliere le meraviglie dell’universo che di certo celano un’entità superiore “Perché eternità/ è il nostro respiro”.

L’amore viene concepito come una forza vitale in grado di dare un senso profondo all’esistenza: “Dimmi come posso/incontrare il mare,/se già lo respiro negli occhi tuoi.”

Un amore tenero, ma anche passionale, poesia esso stesso:”Solo ora, mi abbandono al calore della passione,/rovente come l’amore per la poesia”.

Entrano, poi, nella poetica di Pistoja note sensoriali intense e delicate ad un tempo: “Profumato come un fanciullo/carezzato dal borotalco”, “Il sapore di fragola/ci lascia sorseggiare/l’eternità del nostro amore.” Questi ultimi versi , poi, odorano di una certa sensualità.

Non mancano, inoltre, richiami a tematiche universali come la concezione del Tempo che in quanto “storia si ripete” e ci fa sentire “fermi nel tempo”, ma che può farsi sogno di un futuro diverso (“sedersi fra le stelle/sulla vetta del grattacielo/seduti a sognare”) o magia “portavoce del futuro”. Forse ciò che di più straordinario vi è nel Tempo sono le meravigliose tracce che questo lascia nelle grandi opere umane: “Templi amati/rimangono,/paladini eterni/della gloria.”

Emerge un senso di fiducia nell’uomo capace di magnifiche imprese, dunque, ma anche di cogliere, nel suo piccolo, colori, profumi, suoni che gli fanno apprezzare questo tempo, il tempo che ci è dato.

E così il lettore è accompagnato per mano dal poeta in un percorso di graduale vivificazione, che lo porta ad una visione serena e limpida della realtà, al senso di Tutto.

Dolcezza, levità, morbidezza, musicalità sono le note formali che degnamente sostanziano il senso profondo di questi versi.

Dott.ssa Francesca Piovesan

Commenti disabilitati su ” Il Tempo di una Carezza ” di Massimo Pistoja – Recensione della Dott.ssa Francesca Piovesan