L'arte della Danza

Tecnica e Talento

Da sempre ciò che caratterizza e attrae della danza è il suo essere un’arte, non semplicemente un’attività fisica.

Sono necessari impegno, sacrificio e grandi sforzi per ottenere grandi risultati, ma lo scopo di tutto ciò non è solamente l’estetica e la perfezione del movimento, è anche il riuscire ad esprimere al meglio sentimenti, emozioni e stati d’animo legati alla variazione o al personaggio che si sta interpretando.

Sono necessari impegno, sacrificio e grandi sforzi per ottenere grandi risultati, ma lo scopo di tutto ciò non è solamente l’estetica e la perfezione del movimento, è anche il riuscire ad esprimere al meglio sentimenti, emozioni e stati d’animo legati alla variazione o al personaggio che si sta interpretando.

Certamente muscoli delineati e capacità di elevazione negli uomini sono necessari a dare quell’energia e potenza che caratterizza il ballerino, mentre la donna, immagine iconica della ballerina sulle punte, rappresenta la leggerezza e l’elevazione spirituale che si sta esprimendo.

Nel corso del Novecento si sono viste grandi stelle fare la storia della danza, in Italia con ad esempio Carla Fracci e Alessandra Ferri, ma anche e soprattutto all’estero con Rudolf Nureyev, Mikhail Baryshnikov o Carlos Acosta.

Il grande talento di questi ballerini però stava nella loro capacità di mostrare l’anima mentre ballavano; certo era fondamentale una tecnica impeccabile ma non si trattava mai del mero estetismo del corpo.

Oggi, purtroppo, soprattutto nella danza classica, si tende a voler raggiungere l’eccesso nella prestazione fisica; avere un fisico adatto e una tecnica eccezionale è certamente d’obbligo per un ballerino ma non è l’unica cosa che serve, altrimenti la danza sarebbe semplicemente una ginnastica. 

A proposito del talento, la famosa ballerina di teatro e televisione Anbeta Toromani sostiene:

“Il vero talento è nella testa, non solo per un ballerino ma per un artista in generale. Non è rappresentato dalle doti fisiche o dalla tecnica, è dall’intelligenza che parte tutto il resto. Certo le attitudini sono necessarie ma poi quello che ti fa sognare nella danza è l’atmosfera magica, sembra tutto così leggero, impalpabile, invece dietro c’è tanta fatica, tanti sacrifici.”

In sostanza, Tecnica e Talento sono come due parti di un panino: non sono un gran ché da soli.

Il talento regala alla persona che ci è nata uno sguardo, un modo di vedere la realtà attorno a sé, di percepire e di trasmettere le emozioni.

Le regala delle percezioni, a volte il gusto per il bello, o una capacità di apprendimento molto alta.
Tutto questo, abbinato ad una forte tecnica, può dar vita a grandi e meravigliosi danzatori.